Anteprima n.3 delle Notizie Fash n. 39 del 2.11.2017

pubblicato in: Comunicazioni dall'Associazione | 0

Sentenze: Licenziamento durante il periodo di comporto: quali effetti?

 

La Sezione Lavoro della Cassazione ha chiesto che venga assegnato alle Sezioni Unite il ricorso su un licenziamento intimato in costanza di malattia, durante il periodo della conservazione del posto di lavoro. Il contrasto riguarda quanto previsto dall’articolo 2110 del Codice civile, per il quale, in caso di malattia del lavoratore, il datore di lavoro potrebbe recedere dal contratto una volta “decorso il periodo stabilito dalla legge, dagli usi o secondo equità”, e quanto taciuto dalla legge in merito alla sorte del licenziamento intimato prima che il periodo di comporto sia effettivamente trascorso. Parte della giurisprudenza sostiene che l’inosservanza del divieto di licenziamento non determina di per sé la nullità del recesso, ma ne implica solo la temporanea inefficacia; secondo un’ altra parte, invece, il recesso sarebbe affetto da nullità, in quanto solo il superamento del periodo di comporto autorizza il datore di lavoro a recedere dal contratto, con conseguente applicazione della sanzione reintegratoria. Si attende ora sul punto la posizione che verra’ espressa dalle Sezioni Unite.

 

Fonte: Cass., 19 ottobre 2017, n. 24766

 

Informazioni presenti nel n. 38 delle notizie flash in uscita il 26.10.2017

Le notizie flash sono un informatore settimanale gratuito per gli associati ANCL U.P. di Milano